Renzini: “Serve la denuncia e la solidarietà per combattere gli illeciti. Grazie a tutti di cuore!”

Non posso che esprimere un sincero ringraziamento a tutti coloro che, all’unisono ed incessantemente, hanno da ieri mattina esternato affetto e solidarietà nei miei confronti e nei confronti della mia famiglia.
 
Parenti, amici, vicini di casa,  concittadini,  semplici conoscenti che a mezzo telefono o sul web mi hanno supportata a seguito del danneggiamento subìto nella notte di ieri, quando la mia auto, parcheggiata all’interno di uno spazio condominiale nascosto e pur trovandosi  in aderenza a due alte recinzioni che fanno angolo, è stata graffiata insistentemente su tre lati con una chiave o con altro arnese appuntito, per un danno di oltre 3.000 euro.
 
Un gesto vile e vigliacco in quanto compiuto con  meticolosità e destrezza; un’azione che dovrebbe essere condannata soprattutto sotto il profilo etico e morale, prima ancora che sotto l’aspetto giuridico o giudiziario.
 
Non posso pensare, come molti hanno detto pubblicamente, che si tratti di un gesto intimidatorio. Voglio invece con fermezza credere che sia solo il frutto di una “ragazzata” o il gesto di scellerati vandali le cui azioni rimangono fini a se stesse ma, purtroppo, anche  dannose per tutta la comunità, che merita più rispetto e più azioni di controllo.
 
La mia attività politica deve assolutamente restarne fuori in quanto mi piace pensare che il dialogo politico, quello con la “D” maiuscola, non ha nulla a che vedere con simili bassezze di spirito,  nè che gesti come quello operato nei miei confronti possano indurmi a cambiare il mio modo di pensare ed operare “pubblico”.
 
Sono pienamente convinta, come donna e come cittadina, prima ancora che come consigliere comunale, che la violenza  morale, psicologica, fisica o materiale,  non si combatte con il silenzio o con la reticenza quanto piuttosto con la denuncia, la collaborazione reciproca e  la solidarietà di tutti. 
 
Se in ogni vicinato ci fosse più collaborazione tra cittadino e cittadino, più coraggio nel denunciare episodi di basso crimine, anche le Forze dell’Ordine, che già si adoperano con impegno e costanza sul territorio, avrebbero maggiori elementi di supporto e di confronto nelle indagini.
 
 Gli illeciti vanno denunciati e non avallati, senza se e senza ma !
 
Da ultimo ma non per ultime, ringrazio tutte le forze politiche che, a mezzo stampa, hanno, chi prima e chi dopo, “censurato” l’accaduto.
 
Voglio invitare le stesse, con la fermezza che mi appartiene, ad agire in modo compatto ogniqualvolta venga compromessa la sicurezza dei cittadini, a prescindere dalla bandiera e dal colore politico.
 
07/08/2017
      Avv. Fabrizia Renzini
   Cittadina di Bastia Umbra

Articolo letto 24 volte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *