Assisi nel Guinness World Record grazie ad un ritratto realizzato con 2 milioni di chiodi. L’ultimo sarà “piantato” lunedì 15 gennaio alle 16.30.

A partire dal prossimo 15 gennaio il nome della Città di Assisi potrà entrare nell’ambitissimo albo del Guinness World Record, grazie ad un’opera d’arte sacra voluta e promossa dai  Priori Serventi 2018 del Piatto di S. Antonio Abate.

Si tratta del ritratto di Sant’Antonio Abate composto utilizzando oltre 2 milioni di chiodi: un’opera  in corso di ultimazione da parte di Saimir Strati, artista albanese. La raffigurazione del Santo Protettore si sviluppa su una superficie di 26 mq utilizzando solo chiodi.

Il Sindaco della Città di Assisi Stefania Proietti aveva inaugurato l’opera insieme ai Priori Serventi e all’autore piantando – agli inizi di dicembre – il primo degli oltre 2 milioni di chiodi.

Fino al prossimo 15 gennaio chi volesse visitare l’artista all’opera potrà farlo tutti i giorni dalle 09:00 alle 12:00 e dalle 17:00 alle 20:00 a Santa Maria degli Angeli in via Los Angeles, 81.

In questi giorni sono stati numerosissimi i visitatori che hanno voluto vedere da vicino l’opera da Guinness di Saimir Strati che una volta portata a compimento sarà visitata dalla delegazione del Guinness World Record che giungerà ad Assisi per verificare la validità del record.

Si tratta di una delle grandi novità ideate e promosse dai Priori Serventi 2018 che sono al lavoro già da mesi per dar vita ad una esaltante e nuova Festa del Piatto di S. Antonio Abate di Santa Maria degli Angeli Assisi: in avvicinamento al 21 gennaio tantissimi gli eventi collaterali prima delle celebrazioni del Santo.

L’ultimo chiodo dell’opera da record sarà piantato lunedì 15 gennaio alle 16.30 alla presenza del Sindaco e dei Priori Serventi: un atto finale al quale le redazioni sono invitate a partecipare

***L’ARTISTA***

Saimir Strati, già detentore di 10 Guinness World Records tutti realizzati con materiali alternativi, ha incassato il suo primo Record al 2006 a Tirana. Ha utilizzato 400 kg di chiodi per il mosaico originale più grande al mondo: la copia dell’autoritratto di Leonardo Da Vinci.

11/01/2018

Ufficio stampa Comune di Assisi

Articolo letto 45 volte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *