Rino Freddii sui lavori pubblici ad Assisi.

Dopo 18 mesi di stallo, durante i quali non è riuscita nemmeno a terminare le opere approvate e finanziate da chi l’ha preceduta, l’attuale Amministrazione annuncia una serie di interventi sul territorio che inizieranno nel 2018 e termineranno a data da stabilire, visto che si parla di più stralci.

Non tutte le priorità individuate sono condivisibili e sicuramente i cittadini non coinvolti nelle decisioni (nel giro delle frazioni la squadra Proietti è arrivata con il compitino già fatto) non mancheranno di manifestare il proprio dissenso.

Non c’è una visione d’insieme dei lavori necessari sull’intero territorio.

Del resto il piano triennale degli investimenti 2017-2019 è così generico che, come ho ricordato in altre occasioni: “o non si ha la minima idea su cosa fare e dove farlo, oppure, in barba alla trasparenza, si porteranno avanti solamente i progetti più sponsorizzati”.

Non si può parlare di infrastrutture senza ricordare che in questi giorni l’Ing. Nodessi ha deciso di lasciare Assisi.

Non sappiamo se questa sia una scelta personale o dipenda dalla non condivisione del “nuovo metodo” di lavoro, quello che è certo è che verrà a mancare all’Ufficio Tecnico Comunale un dirigente esperto, competente e conoscitore, come pochi, del territorio e delle problematiche a esso collegate.

Nei 10 anni di collaborazione, prima come membro  e poi come presidente della Prima Commissione, ho avuto modo di apprezzarne la serietà, il pragmatismo e l’impegno con cui affrontava tutte le questioni legate all’Urbanistica e ai Lavori Pubblici ed è per questo che, sono sicuro, saprà ricoprire con la stessa efficienza il nuovo incarico presso l’Autorità Umbra Rifiuti e Idrico.

04/01/2018

Rino Freddii

Articolo letto 42 volte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *