Imu ad Assisi, Confcommercio chiede che sia abbassata l’aliquota anche per le attività commerciali.

“Occorrono misure che contribuiscano a dare ossigeno alle imprese, stremate da anni di crisi. Chiediamo pertanto che l’amministrazione comunale di Assisi deliberi una modifica delle aliquote Imu, abbassando quelle previste per gli immobili in cui sono esercitate le attività commerciali”.

Questo è l’appello del presidente d Confcommercio Assisi e Valfabbrica Vincenzo Di Santi, rivolto all’amministrazione comunale di Assisi.

“In una città dalla fortissima vocazione turistica, le attività commerciali hanno condiviso con quelle turistiche anche gli enormi danni indiretti provocati dal terremoto.

Agli immobili destinati ad attività ricettive è applicata una aliquota dello 0,76%.  Che sale allo 0,86% per gli immobili destinati ad attività commerciali.

La pressione della fiscalità sulle imprese, anche a livello locale, è fortissima. All’amministrazione comunale di Assisi chiediamo di intervenire abbassando il peso dell’Imu sul commercio, in primo luogo, per una questione di equità.

Ma, soprattutto, per dare a queste imprese un segnale forte di vicinanza, di sostegno in un momento molto difficile, di riconoscimento di un ruolo di servizio e animazione del territorio, che è insostituibile.

Soprattutto in una città come Assisi, la sopravvivenza di imprese commerciali che accolgono i turisti e presidiano il territorio è fondamentale per garantire non solo qualità della vita e coesione sociale, ma le condizioni fondamentali per lo sviluppo”.

 

 

Perugia  13  febbraio  2018

Arianna Duranti

Articolo letto 10 volte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *