Travicelli: “La scuola ha bisogno di certezze, non di proclami. Buon anno scolastico a tutti”.

Di cuore un sincero augurio di buon anno scolastico che desidero rivolgere ai bambini, ai ragazzi e alle loro famiglie, agli insegnanti, ai dirigenti e a tutto il personale che con il loro quotidiano impegno e con sacrificio contribuiscono a far vivere questo magnifico mondo della scuola. Nella nostra città Assisi, in modo particolare, grazie al loro impegno continuo possiamo vantare di uno straordinario ed unico patrimonio. Ogni inizio di anno scolastico porta con sé la speranza di un anno speciale, con una buona dose di preoccupazioni, per doversi misurare con nuove sfide e nuovi traguardi. L’anno scolastico che sta per iniziare, anche se c’è chi vuole farci credere altro, sarà contrassegnato da preoccupazioni relative alle condizioni economiche di molte famiglie, aggiungerei più di quelle che immaginiamo, per non pensare alle tante difficoltà con cui il nostro sistema scolastico deve fare quotidianamente i conti, in un quadro di drammatici tagli, che anche se qualcuno pensa di raccontarci una bella favola ed incantarci con una marea di bla…bla…le difficoltà sul piano economico costituiscono il problema principale. Oggi la politica su questo delicato argomento, non riserva grandi risorse, non sono sufficienti i proclami, le famiglie e tutto il mondo della scuola esige rispetto e non si accontenta di contentini o di tante chiacchiere. Il mondo della scuola oggi ha bisogno anche della valorizzazione delle relazioni interpersonali e sociali che costituiscono, in questo momento così delicato, un capitale da valorizzare in modo permanente perché è in questo ambito che si riproduce la vita quotidiana e si costruisce il senso del bene comune. Dalla qualità di queste relazioni ne sortirà ciò che siamo in grado di offrire ai nostri bambini e ai nostri ragazzi. Cosa dire, chi amministra deve sentirsi impegnato anche in questo senso e deve investire nell’educazione e nella formazione, sostenendo “tutte” le scuole della città e valorizzare l’autonomia scolastica. Tutto questo però richiede anche una buona dose di volontà, di intelligenza e di capacità. Solo con questo spirito si potrà guardare con ottimismo al futuro dei nostri ragazzi. Una città che vuole crescere lo può fare solo se investe seriamente nelle nuove generazioni. Solo così e con questi propositi potrà essere un buon anno scolastico. Tengo inoltre a ringraziare anche i dirigenti, gli insegnanti ed il personale che a causa di pensionamenti o per trasferimenti non opereranno quest’anno nelle nostre scuole.

Con affetto, buon anno scolastico a tutti.

Claudia Maria Travicelli

( Democratici e Popolari per Assisi)

Assisi 12 Settembre 2018

Articolo letto 4 volte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *