Nel territorio di Assisi-Bastia salari più bassi del 12,3 % rispetto alla media nazionale

Abbiamo elaborato come IRES CGIL DELL’UMBRIA (sulla base dei dati ISTAT) la situazione occupazionale dei comuni dell’Umbria, con riferimento all’imprese industriali e all’imprese di servizi.

Il concetto di impresa industriale è inteso in senso lato comprendendo anche le attività artigianali e l’edilizia.

Abbiamo analizzato anche la retribuzione media dei dipendenti del territorio di Assisi-Bastia.

In Umbria la retribuzione media per dipendente corrisponde a 22.719 € lorde annue.

Tenendo conto che in Italia la cifra corrispondente è di 25.952 €, ne consegue che in Umbria i salari sono inferiori del 12,46%.

Nel territorio di Assisi Bastia la situazione dei redditi da lavoro dipendente è sostanzialmente in linea con la media regionale, con una leggera differenza in positivo.

Infatti nel territorio di Assisi-Bastia i salari lordi annui corrispondono a 22.721 €, con un – 12,35% rispetto alla media nazionale.

Il territorio di Assisi Bastia definito come SLL (sistema locale del lavoro) dall’ISTAT, corrisponde ai comuni di: Assisi, Bastia, Bettona e Cannara.

Il dato sulla situazione occupazionale è il seguente:

DISTRETTO DI ASSISI

COMUNE ADDETTI INDUSTRIA ADDETTI SERVIZI
Assisi 3.426 5.073
Bastia Umbra 3.140 4.593
Bettona 549 462
Cannara 356 424

 

In oltre va sottolineato che dei 17.934 addetti complessivi i lavoratori dipendenti sono 11.908.

Il fatto che i salari e gli stipendi di questi lavoratori siano inferiori del12.3% rispetto alla media nazionale (salari italiani bassi rispetto agli standard europei), dimostra che ridurre da un punto di vista economico e non solo i diritti dei lavoratori è iniquo e non serve nemmeno ha contrastare gli effetti nefasti della crisi.

Serve invece una nova politica economica che valorizzi il lavoro, rilanci gli investimenti e dia un futuro diverso alla nostra regione, contrastandone il declino economico e sociale.

Li, Perugia

Mario Bravi

10/07/2019

Presidente IRES-CGIL UMBRIA

Articolo letto 16 volte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *